Diario delle cose notevoli/9

Trentadue cose notevoli del 19 gennaio 2015 Cosa insegnano le ultime mosse di Al Qaeda e Isis e gli attentati di Parigi sulla galassia jihadista (e le sue divisioni). Una ottima analisi di Politico Magazine. Militari corrotti, rivalità interne: così la Nigeria si è ritrovata sola. Maurizio Molinari fa il punto sulla deriva fondamentalista che falcidia il grande […]

Read More Diario delle cose notevoli/9

Diario delle cose notevoli/8

Trenta cose notevoli del 16 gennaio 2015 Le prime dichiarazioni a Varesenews di Antonella Biasio, la mamma di Greta Ramelli, una delle due volontarie italiane rapite in Siria e appena rilasciate: “Ho abbracciato Greta e mi ha chiesto scusa…” (via Alessandro Franzi). Chi paga i riscatti ai terroristi? Per il New York Times soprattutto i […]

Read More Diario delle cose notevoli/8

Diario delle cose notevoli/7

Trenta cose notevoli del 15 gennaio 2015 Vanessa Marzullo e Greta Ramelli, le due volontarie italiane rapite a fine luglio in Siria, sono state liberate. La notizia, dopo le indiscrezioni arrivate da fonti vicine ai ribelli siriani anti Assad, è stata confermata da palazzo Chigi. Le due ragazze sarebbero già in viaggio verso la Turchia. […]

Read More Diario delle cose notevoli/7

Diario delle cose notevoli/6

Trenta cose notevoli del 14 gennaio 2015 Chissà quanta ironia e quanta satira avrebbero fatto i disegnatori ammazzati di #CharlieHebdo nel vedere questo improvviso boom e questa mitizzazione delle vignette di #CharlieHebdo, nel giorno in cui il settimanale torna in edicola e fa sold out in tutto il mondo. Il terrorismo e l’inganno del politicamente […]

Read More Diario delle cose notevoli/6

Diario delle cose notevoli/5

Trenta cose notevoli del 13 gennaio 2015 Come Isis sta addestrando le giovani reclute nei campi tra Siria e Iraq del Nord. Dentro il mondo di Coulibaly e dei fratelli Kouachi: nascere, crescere e radicalizzarsi a Parigi. Sul Guardian un grande approfondimento firmato Angelique Chrisafis (via Alberto Nardelli). Persone uccise da Boko Haram in Nigeria: […]

Read More Diario delle cose notevoli/5

Diario delle cose notevoli/4

Venticinque cose notevoli del 12 gennaio 2015 L’account Twitter dello “Us Central Command” è stato hackerato a nome dell’Isis mentre il presidente Obama stava tenendo un discorso sulla cybersecurity. Svelati nomi di militari e piani strategici. Superpotenza violata. Una interessante grafica fa vedere le relazioni tra i terroristi che hanno colpito a Parigi e la […]

Read More Diario delle cose notevoli/4

Diario delle cose notevoli/3

Venti cose notevoli del fine settimana 10-11 gennaio 2015 Sentirsi orgogliosamente europei in un pomeriggio di una domenica qualsiasi (citazione da Dario Di Vico) #11Janvier Questa foto è la risposta dell’Europa. Il posto, tutto sommato, migliore per vivere. #11Janvier Più o meno settant’anni fa, i paesi di questi due leader avevano appena smesso di combattersi. Con […]

Read More Diario delle cose notevoli/3

Diario delle cose notevoli/2

Venticinque cose notevoli del 9 gennaio 2015 La nemesi dei fratelli Kouachi, morti in una tipografia (citazione da Paolo Madron). C’è molto fumo statistico, com’è comprensibile, ma in Europa solo l’1% degli attentati ha matrice religiosa. Lo sapevate? Quanto contano istruzione e povertà, se contano qualcosa, nel trasformare un normale cittadino in un terrorista? Se […]

Read More Diario delle cose notevoli/2

Diario delle cose notevoli/1

Diciotto cose notevoli di giovedì 8 gennaio 2015 Quanto dobbiamo preoccuparci dopo gli attentati di Parigi? Un utile dossier raccolto da Ispi. Saverio Raimondo ha scritto una cosa intelligente sulla satira di Charlie Hebdo, mettendo in guardia dal delirio della retorica di queste ore: quella xenofoba come quella martirizzante. E delle due, la seconda rischia di […]

Read More Diario delle cose notevoli/1

Il diritto di ridere

Nell’autunno 2012 il settimanale satirico francese Charlie Hebdo pubblica per mano del suo direttore Stèphane Charbonnier, morto con altri colleghi e disegnatori nell’infame attentato di mercoledì 7 gennaio 2015, questo piccolo editoriale a corredo di una striscia al solito abrasiva, questa volta nei confronti di Maometto e l’Islam… Peins un Mahomet glorieux, tu meurs. Dessine un […]

Read More Il diritto di ridere