Diario delle cose notevoli/31

Ventisette cose notevoli del 18 febbraio 2015

La situazione in #Libia, come #Isis ha saputo sfruttare i gruppi armati presenti sul suo territorio e che interessi in ballo ha davvero l’Italia nella bella analisi di Matteo Colombo.

Il Medio Oriente che sarebbe potuto essere (la donchisciottesca spedizione di inizio novecento promossa dal presidente Wilson…) e un po’ di numeri e grafici che dimostrano come in realtà la guerra in Libia non sia mai finita: dal 2014 ci sono stati oltre 3mila morti (via Jacopo Ottaviani).

Slate si chiede quanti gruppi estremisti affiliati all’Isis siano realmente Isis. Il tema non è affatto banale.

#Nigeria La strada verso le elezioni lastricata di morti nella Storify di Reported.ly. e una interessante video spiegazione in tre minuti di #BokoHaram.

Tregua fragile. Un ottimo video reportage di Vice News dall’aeroporto di #Donetsk in macerie mentre l’Ucraina sconfitta si ritira da #Debaltsevo.

Intanto per gli americani la Russia è tornata ad essere la principale minaccia mondiale (fonte: Ian Bremmer).

“Come sono diventato un marxista erratico” è il bellissimo long read del Guardian su Yanis #Varoufakis. Da leggere per capire la partita a scacchi Atene-Berlino di questi giorni.

Atene apre a un’intesa, ma in tanti sperano ancora nel #Grexit. Il video commento di Marco Valerio Lo Prete.

In mezz’ora, Ray Dalio, il fondatore del hedge fund più grande del mondo, spiega come funziona l’economia.

L’India svela un progetto da 8 miliardi di dollari per produrre nuove navi da guerra. Si chiama deterrenza anti Pechino (via Antonio Talia).

La nuova ondata di cittadini dell’est Europa (+23% rispetto all’anno scorso) che sbarcano in Inghilterra per lavorare.

Nuove geografie politiche. Cosa rivela il mosaico di uomini e nomine costruito attorno a Sergio Mattarella e perché potrebbero essere guai per #Renzi (via Salvatore Merlo).

Scrive Philippe Ridet che finora #Renzi sta cambiando più la sinistra che il paese.

Parchi pubblici e spazi verdi. I comuni italiani che spendono di più nel dossier #OpenPolis.

Scandali “Popolari”. Dalla produzione direttamente alla fiction: il cinema ora si fa in banca (via Fabio Bolognini).

Berlusconi bibliofilo. #Mondadori verso l’acquisto dei libri di #Rcs. A Segrate devono aver pensato: “se ha funzionato per Penguin e Random House…” (via Giulio D’Antona).

La fabbrica della rivoluzione. Viaggio nello stabilimento #Fiat di Melfi, dove si torna ad assumere passando per l’America (via Luciano Capone).

Dei ricercatori belgi hanno identificato a Cuba una forma di Hiv che si tramuta velocemente in Aids.

Dentro la grande siccità che sta colpendo San Paolo (e le feste di carnevale in Brasile).

Il 75% di tutti i raid dei pirati nel mondo colpiscono le linee mercantili asiatiche.

Abitudine e diffidenza: perché il fax resiste ancora (nonostante tutto).

Come Alessandro Volta, nato 270 anni fa, ha inventato la pila (e battuto Napoleone).

I 16 trend dell’innovazione di cui discutono ogni giorno gli investitori della Silicon Valley (via Irene Serafica).

“Gangster’s Paradise” è un magnifico reportage da San Pedro Sula, la città più violenta dell’Honduras. Paura e disperazione alimentano l’esodo forzato verso gli Usa.

L’incredibile crescita delle sigarette Marlboro in una chart.

Arrigo #Sacchi e il dilemma dei troppi stranieri nel campionato italiano agitano un paese che ha vinto la prima Coppa del Mondo (1934) schierando quattro oriundi argentini.

Lo spettacolo delle cascate del Niagara ghiacciate.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...