Compagno Renzi

Cinque motivi per cui il premier è diventato troppo di sinistra “Caudillo”, “ducetto di Rignano”, “sodale di Verdini”, “affossatore del Pd”, “distruttore della Costituzione Antifascista”, “Berluschino”, anzi no, “sei peggio di Berlusconi…”, e si potrebbe continuare per un paragrafo. In rete, in Parlamento, nei talkshow e nel giornalismo italiano è fiorito da tempo il genere […]

Read More Compagno Renzi

Il silenzio è dolo

L’orchestra della grande truffa di Banca di Vicenza e Veneto Banca. Storie di “schei”, omertà e ipocrisie… Se fosse la sceneggiatura di un film si potrebbe intitolare “il silenzio è dolo.” Quella lunga catena di violazioni, connivenze, omertà sottotraccia, servilismo fantozziano e obbedienza ipocrita al grado gerarchico del capoufficio che, mescolati insieme, hanno prodotto il […]

Read More Il silenzio è dolo

Processo al Nordest

Per la prima volta è in corso una sana e robusta autocritica nel “territorio” per eccellenza. Imprenditori e banchieri inclusi… “Xe finio tuto…” mi dice un amico imprenditore trevigiano, rispolverando antichi fantasmi e vecchie subalternità. Probabilmente esagera ma il Nordest come lo abbiamo conosciuto negli ultimi 25 anni è morto e sepolto. Ancora (abbastanza) ricco […]

Read More Processo al Nordest

Parigi val bene una guerra

Quindici cose notevoli da segnalare, in attesa di sapere l’identikit degli jihadisti islamici che hanno portato l’inferno nel cuore dell’Europa, delle indagini e delle prossime mosse militari e di intelligence nella lunga guerra contro lo Stato islamico… Frase del giorno/1 “Charlie era un simbolo, questa è guerra…” Bernard-Henri Lévy   Frase del giorno/2 “Loro hanno il […]

Read More Parigi val bene una guerra

La Lega del telepredicatore

Nel declino mesto di Via Bellerio, nella dismissione dei vecchi simboli e nella rottamazione del nordismo per una Lega diventata “nazionale” (la dittatura di Bruxelles al posto di Roma ladrona), si specchia anche il fallimento di un intero blocco sociale, e di una classe dirigente diffusa, che non ha saputo sfruttare la finestra mediatica e […]

Read More La Lega del telepredicatore

Ti amo, bancario

La fine della stagione del gigantismo ha ridisegnato la geografia delle banche italiane. Numeri, mutui e sfida tra due modelli di operatori. Con un problema: ma esiste ancora il naso? Un banchiere di lungo corso la chiama la sindrome “del bambino e dell’acqua sporca”. In Italia siamo campioni di specialità. Le cose non vanno bene? […]

Read More Ti amo, bancario