Tra Zanzotto e il prosecco

La scoperta della nuova Casa Museo del grande poeta veneto, nei giorni del centenario della sua nascita, diventa un viaggio nel microcosmo dell’Alta Marca Trevigiana e delle colline patrimonio Unesco dal 2019. Perché le bollicine famose in tutto il mondo non diventino un’altra bolla

“Il poeta saliva spesso sulle colline del Cartizze, era amico di mio padre e delle volte partecipava ai nostri eventi…”, ricorda Gianluca Bisol guardando verso l’altura del Montello fino al medio Piave dove correva il fronte della Grande Guerra. Monumenti, sacrari, trincee, resti di appostamenti e meravigliose ville venete, vestigia della Serenissima Repubblica di Venezia.

Continua a leggere la storia su Il Sole 24 Ore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...